Mother to Mothers: Un pezzo di Paradiso dove non andrei mai senza figli

Evviva, estate… ed allora dove andiamo in vacanza? L’anno scorso abbiamo rinunciato ad ogni viaggio perché Elisabetta era appena nata. Un anno prima sono andata in Ungherìa per far conoscere al mio figlio il paesino da dove vengo e lui alle mie amiche, ma è stata più una corsa e non una vacanza. Io che avevo sempre viaggiato con piacere, da anni non sono riuscita fare una vacanza vera. Ma con bambini piccoli, che senso ha di andare in città belle se comunque non possiamo fare giri (con i passeggini?) o andare in musei (noia per loro), ma dovremmo stressarsi per la pappa e per trovare un fasciato o garantire la nanna dopo il pranzo. Ci serviva un posto, dove loro si divertono e noi ci rilassiamo. I grandi viaggi della nostra lista (Australia, Giappone, Silicon Valley) faremo tra un paio di annetti. Ed ecco il posto che abbiamo scelto e che ci è piaciuto tanto: VOI Baia di Tindari Resort.Le mamme con più esperienze diranno: ‘Già, lo sappiamo tutti’, ma io non conoscevo questi posti (ce ne sono alcuni anche in Sicilia). In questo resort è tutto fatto per i bambini. Hanno dei piccoli appartamenti (camera + bagno) con una piccola terrazza in un piccolo oasi di prato, vicino alle piscine e circa 100 metri dal mare. C’è una spiaggia con un bar e delle docce, ci sono due piscine per i bambini e ragazzi, seggioloni nel ristorante, biberoneria dove si può disinfettare i biberon e preparare la pappa con omogenizzati in omaggio quasi tutto il giorno. E c’è una squadra di animatori dalla mattina fin alla sera.

Vabbe per bambini sotto tre anni offrono ancora poco (ovviamente, loro ancora non lasciano mamma e papà), ma per i bambini 3+ c’era il Mini Club (ed altri club), il gonfiabile e tante iniziative. Questi ragazzi cercavano anche attivare gli adulti lagnusi sulla spiaggia (una vera sfida). Ed ogni sera siamo andati al Baby Dance: un ricordo che Enrico ancora racconta ogni giorno cantando le canzone che abbiamo sentito là.

Gli spettacoli ho trovato io personalmente un po’ deboli, anche perché non erano sempre adatti ai bambini che erano con noi dopo il Baby Dance. Il posto non era impeccabile (nella nostra stanza c’era umidità su un muro e i mobili erano un po’ trascurati). Hanno anche offerto servizi di Beauty nel loro ‘Spa’, ma certamente non era il loro punto di forza.

Però, il ristorante con il buffet offriva ogni giorno qualcosa di buono (le paste e i secondi sono stati buoni, gli antipasti da scegliere bene) e c’era sempre frutta per i bambini. E non dovevamo scusarci continuamente perché abbiamo sporcato tutto con lo yogurt.

Tutto lo staff aveva tanta pazienza con i bambini e siccome tutti gli altri ospiti erano genitori con bambini piccoli o un po’ più grandi, ci si poteva rilassare dimenticando opinione pubblica: ci capivamo. I bambini facevano amicizie, ridevamo insieme guardando i piccoli ballerini, li guardavamo a vicenda alla piscina.

This slideshow requires JavaScript.

L’unico posto nuovo che ho visto e che culturalmente mi ha arricchita è stato il Santuario con la statua della Madonna Nera. Ma questa volta non importava. Abbiamo avuto pomeriggi, quando i nostri bimbi dormivano 4 ore (c’era silenzio totale), abbiamo anche avuto giorni con pioggia, quando giocavamo con la sabbia sotto il grande scivolo nel parco gioco. Abbiamo avuto tanti momenti da ricordare con belle foto.

Non so se tornerei, senza bambini mai. Forse ancora un-due anni dovremo trovare residence simili in vicinanza, ma poi dopo spero di andare in viaggi dove non prendo 3 chili in una settimana 😉

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s